Un grande passo in avanti per la crescita della cultura ludica a Trieste e in Italia

31.07.2019

di Giovanni Bacaro

Federludo e AiCS firmano il patto nazionale per la promozione del gioco cosiddetto "intelligente"

E' appena arrivata in redazione l'importante notizia che scuote, in positivo, il mondo delle associazioni ludiche italiane e triestine: lo scorso 23 Luglio a Roma, Federludo, la Federazione Italiana della Associazione Ludiche e AiCS hanno siglato uno storico protocollo d'intesa che mette al centro dell'agire comune il Gioco come strumento di socialità e di crescita del benessere individuale, utile allo sviluppo di elementi positivi di relazione, metodo concreto di prevenzione al bullismo e di contrasto alle ludopatie e alla povertà educativa, fondamentale per incentivare la partecipazione civile e per lo sviluppo di una cittadinanza attiva, supporto educativo e di promozione sociale, da parte delle organizzazioni ludiche e dei singoli.

Condivisibile a riguardo la dichiarazione del Presidente di Federludo Alessio Guazzini: "Si tratta di un accordo storico per il mondo ludico Italiano, che per la prima volta trova una collaborazione nazionale e una sponda solida per promuovere la sua missione istituzionale, rivolta all'accreditamento presso ministeri e le amministrazioni e al riconoscimento dell'importante ruolo che le associazioni ludiche svolgono sui territori."

E' proprio per il territorio di Trieste e Provincia questa notizia è di particolare importanza: primo per il fatto che, lo vogliamo ricordare, sono ben due le Associazioni Ludiche presenti nel direttivo di Federludo (La Costola dei Barbari A.P.S. e  Alea) le quali, possiamo immaginare, avranno giocato un ruolo determinante nel sostenere l'azione, e secondo poi, Trieste è stata eletta città sportiva d'Italia, dove i circoli AiCS sono ben radicati, sia a livello cittadino che provinciale e dove, grazie a questo accordo, sarà possibile proporre attività coordinate tra le realtà ludiche e sportive.  

Due mondi, quindi, quello sportivo e quello ludico, che, grazie a questo accordo, imboccano la strada comune della collaborazione per la formazione specifica di volontariato ludico qualificato e la condivisione di strumenti, strutture e risorse

L'accordo dà inoltre vita a un nuovo settore dedicato in AiCS, denominato "Attività Ludiche" che avrà come compito primario quello dello scambio di esperienze e conoscenze per l'individuazione di forme di collaborazione volte a promuovere e diffondere il gioco, la cultura ludica e il diritto al gioco come elemento culturale di coesione, di comunicazione, di crescita armonica e socialità.

Frutto immediato del patto anche l'estensione alle realtà affiliate a Federludo delle convenzioni e delle coperture assicurative promosse da AiCS: grazie a questo importante elemento, le associazioni ludiche avranno un'opzione in più, molto vantaggiosa poiché estesa a livello nazionale, per la stipula delle polizze assicurative, ormai rese obbligatorie per lo svolgimento delle proprie attività dall'entrata in vigore della riforma del terzo settore. Gli specifici termini della convenzione sono consultabili sul sito di Federludo nella sezione Convenzioni.

Un passo davvero importante per tutti coloro che hanno a cuore il buon gioco e un riconoscimento prezioso che valorizza il lavoro di divulgazione che le associazioni ludiche svolgono, già da tempo, in modo capillare e sempre più esteso.